“Il canto di Lilitu” – “Memorie dal Lago dei Perduti: libro primo”

Nel nostro tempo, ma in una realtà governata dalle forze degli elementi, le avanguardie tecnologiche non hanno conquistato il mondo e le tradizioni popolari non sono relegate a superstizioni.
Il giovane Daniel si appresta a diventare re di Lostlake, regno del Lago e delle congreghe magiche del Nord della Gran Bretagna, da sempre in guerra con Shakyland, la terra traballante del Fuoco, Corte dei Malvagi governata dal Caos, ma il cui trono è vacante da secoli.
La sua imminente incoronazione è però minacciata da un terribile presagio: il regno del Fuoco ha un nuovo messia, terribile e potente, più antico di tutti i regni e della stessa terra che li ospita. È Lilitu, la madre di tutti i demoni, il cui spirito è stato evocato dalla sete di potere e vendetta dei Figli del Fuoco. Mentre il giovane Daniel è intento a conoscere i membri della sua famiglia e a percorrere attraverso i loro racconti il misterioso passato del suo regno, Lilitu si muove indisturbata su una terra ancora in tumulto, e un’altra minaccia diviene consistente giorno dopo giorno. È l’influenza crescente del potere spirituale e politico della Chiesa dell’ultimo giorno, da sempre nemica delle streghe e dei poteri degli elementi.
La setta ha un unico scopo: debellare qualsiasi credo osi sfidare il potere dell’unico Dio.

Memorie dal lago dei perduti
Il canto di Lilitu
Daniel Rivers